Loading

Antonio Vena, 48 anni, ex guardia venatoria poi operaio in una ditta di serramenti. Uccide la compagna con un fucile a pompa. L’ex moglie lo aveva denunciato due volte

Truccazzano (Milano), 19 Aprile 2020


Titoli & Articoli

Nessuna pietà per Alessandra Cità: stavano insieme da 9 anni (MeteoWeek – 19 aprile 2020)
Ennesimo femminicidio, questa volta in provincia di Milano: Alessandra Cità è stata massacrata dal compagno, che lei stava ospitando per la quarantena.
Uccisa con un fucile a pompa: un colpo alla testa. Una morte atroce ed inattesa, quella di Alessandra Cità, 47enne di origini siciliane e residente ad Albignano, frazione di Truccazzano. Siamo nella provincia di Milano: a massacrarla è stato il compagno, Antonio Vena, coetaneo e legato alla donna da 9 anni. Era un rapporto a distanza, il loro: Alessandra viveva nel milanese, era dipendente dell’ Atm (Azienda Trasporti Milanes) e guidava il tram numero 27. Il compagno invece viveva e lavorava a Bressanone, provincia di Bolzano. Meccanico, aveva precedenti penali. La coppia gestiva una relazione a distanza: Antonio Vena raggiungeva la donna tutti i fine settimana. Da due settimane circa però l’uomo viveva nella casa di lei, per trascorrere insieme la quarantena.
All’arrivo dei carabinieri l’assassino è apparso lucido nella ricostruzione: ha raccontato di essere geloso, e di aver trasformato questo pensiero in una ossessione. Ieri notte, durante un litigio, avrebbe afferrato il fucile a pompa sparando alla compagna. Una ipotesi di indagine è proprio quella della convivenza forzata imposta dalla quarantena: forse la causa dell’esplosione di follia omicida dell’uomo.
L’idea che si possa essere trattato di un raptus potrebbe venire confermata dall’assenza di denunce sporte dalla donna o segnalazioni di violenze pregresse. Il fucile a pompa calibro 12 – rinvenuto sul luogo del delitto – è stato sequestrato: la donna aveva un regolare porto d’armi ma i carabinieri non escludono che l’arma potesse appartenere ad Antonio Vena . L’uomo si trova in caserma: è stato interrogato dal pm Giovanni Tarzia, assistito dal suo avvocato d’ufficio. Per ora l’accusa è quella di omicidio. Sarà da valutare la possibilità che fosse premeditato.
(di Alessio Ramaccioni)


Link