Sabine Maccarone, 39 anni, cameriera. Uccisa con colpi contundenti alla nuca e gettata in un pozzo. Il convivente si costituisce ma viene accusato dell’omicidio un altro personaggio, condannato all’ergastolo e 12 anni dopo assolto.

Mazara Del Vallo, 16 aprile 2007
La mamma di lui si insospettisce quando vede il pozzo murato e chiama i carabinieri

 

 

 

 

 

Giuseppe D’assaro, 46 anni, pluripregiudicato. Condannato a 30 anni.

 

 

 

 

 

 

 

Gianni Melluso conosciuto negli ambienti della malavita come “Gianni il bello”. Condannato all’ergastolo, viene scagionato dopo 12 anni.

 

 

 

Titoli&Articoli

Donna uccisa e gettata in pozzo a Mazara, ergastolo a “Gianni il bello”

Omicidio Maccarone, i medici legali: “Sabine morta per schiacciamento della teca cranica”

Delitto Sabine Maccarone: rinvio a giudizio per Gianni Melluso, l’accusatore di Enzo Tortora

Melluso scagionato per l’omicidio di Sabine Maccarone

Uccisa e gettata nel pozzo, si costituisce il convivente

Nuovi misteri nel delitto di Sabine

Non fu “Gianni il bello” a ordinare il delitto

Parole chiave