Desirée Piovanelli, 14 anni, studentessa. Accoltellata e morta dissanguata dopo un’ora e mezzo di agonia, con i piedi legati con un nastro da pacchi, dal cosiddetto “branco di Leno”: 4 amici di infanzia, di cui solo uno maggiorenne.

Leno (Brescia), 28 settembre 2002
Avevano pianificato tutto: avrebbero violentato Desy, la loro vicina di casa, l’amica di infanzia che costituiva l’argomento fisso delle loro giornate. Giovanni Erra, grande il doppio, gli aveva detto che sarebbe stato facile: Desiree era una che ci stava. Nicola, che Desiree aveva individuato come uno da cui stare alla larga, non sopportava di essere stato respinto. Nico ha partecipato perché era il più duro di tutti. Mattia, appena 14 anni, ci si è trovato in mezzo. Per le menti di questi 4 soggetti, finisce la vita di Desirée, 14 anni.

 

il branco di Leno

Nicola B., 16 anni, manovale. Condannato a 18 anni di reclusione.
Nicola V.
(Nico) , 16 anni, muratore. Condannato a 15 anni di reclusione è in regime di semilibertà.
Mattia F. , 14 anni. Condannato a 10 anni, è tornato libero
Giovanni Erra
(nella foto), 36 anni, operaio e padre. Condannato a 30 anni di reclusione

Titoli&Articoli

Desirée Piovanelli, il padre: “Nessun aiuto dallo Stato”

Due degli assassini di Desirée sono già in libertà

Anatomia di un branco

Il piano del branco per uccidere Desirée

Branco di Leno, presto a piede libero

Link

Wikipedia
Repubblica
Qui Brescia
Corriere della Sera
Forum Wintricks
Italia Criminale


 

 

 

 

 

 

Parole chiave