Anna Maria Gandolfi, 57 anni, mamma. Uccisa dal marito con una spinta che le ha sfondato il cranio

1990081-anna_maria_gandolfiPorto Recanati (Macerata), 27 marzo 2013
Un dramma lungo vent’anni, quello di Amedeo e Anna Maria, che non ne voleva sapere di essere ricoverata in una struttura per malati mentali dopo che il marito aveva smesso di pagare l’affitto dell’appartamento in cui lei viveva. E proprio poco prima dell’arrivo dell’ufficiale giudiziario lei cade e sbatte la testa contro il tavolo, morendo per incidente domestico.

 

 

amedeo_belli_0Amedeo Belli, 60 anni, geometra. Aveva un’altra e problemi economici, ma portava sempre da mangiare alla moglie e stava attento a che prendesse le medicine. Un uomo distrutto.

Titoli&Articoli

Il resto del Carlino

“Un profondo squarcio nel cranio” Anna Maria uccisa da un colpo solo – Il giallo di Porto Recanati
Macerata, 29 marzo 2013 – È COMINCIATO alle 16 di ieri pomeriggio ed è proseguito fino a tarda sera, all’ospedale di Civitanova, l’esame autoptico sul corpo di Anna Maria Gandolfi, la donna di 57 anni affetta da gravi problemi psichici e trovata morta mercoledì mattina nella sua casa nella frazione Grotte di Porto Recanati, dopo un litigio con il marito Amedeo Belli, 60 anni.
Come noto solo poche ore dopo l’ufficiale giudiziario le avrebbe notificato lo sfratto esecutivo dall’alloggio in cui era rimasta a vivere dopo la separazione. Un alloggio di cui il marito aveva pagato l’affitto per oltre un anno, prima di smettere per problemi economici connessi anche alla chiusura, qualche mese fa, del suo laboratorio di stampaggio per materie plastiche a Loreto. Proprio lo stress per questa delicata situazione, con il marito deciso a convincere la moglie ad affidarsi a una struttura residenziale di cura, sarebbe alla base del violento litigio, culminato nella spinta e nell’incidente domestico. Anna Maria sarebbe caduta battendo la testa nello spigolo del tavolo della cucina, morendo praticamente sul colpo. Il medico legale Loredana Buscemi farà un sopralluogo nell’abitazione della vittima per chiarire cosa possa aver provocato la larga ferita alla testa costatale la vita. Il corpo non presenterebbe altri segni di violenza esterna, salvo una lesione alla bocca.
IN BASE ai primi riscontri, il racconto del Belli — sottoposto a fermo con l’accusa di omicidio preterintenzionale e attualmente detenuto nel carcere di Montacuto — sarebbe compatibile con quanto emerso dall’autopsia. Ovviamente i medici si riservano di condurre — nel corso del prossimo mese — ulteriori e più approfonditi esami diagnostici per escludere ogni dubbio. Anche per quanto riguarda l’ora del decesso, che già a un primo esame era stata indicata dal medico legale Antonio Tombolini come non antecedente alle 3 o 4 ore, sembrerebbe confermata la ricostruzione dello stesso Belli, che aveva raccontato di un litigio avvenuto nelle prime ore del mattino. Gli esami lo collocherebbero in particolare tra le 8.40 e le 10. Belli avrebbe poi chiamato il figlio Mario, 32 anni, raccontando di avergli ucciso la madre nel corso di un contrasto tra i due per la vicenda legata al trasferimento.
Al culmine della discussione l’avrebbe spinta, provocandone la caduta, senza immaginare — dice lui — che il corpo della moglie rovinasse proprio sullo spigolo del tavolo della cucina, fracassandosi la testa e perdendo molto sangue. Era evidente che Anna Maria fosse morta: per questo Amedeo non avrebbe chiamato il 118, ma il figlio e i carabinieri.
PROPRIO con il cranio fracassato, anche se con la ferita coperta da un asciugamano e il corpo adagiato sul letto, i primi soccorritori hanno trovato il corpo di Anna Maria. A far ipotizzare al sostituto procuratore Cristina Polenzani il reato di omicidio preterintenzionale sono state le attenzioni che da sempre Belli aveva avuto per la moglie. Nel corso del lungo interrogatorio, l’uomo ha spiegato di non aver mai voluto separarsi dalla donna, e di aver sempre continuato a occuparsi di lei, anche se la sua schizofrenia glielo rendeva davvero difficile. La donna, ad esempio, si rifiutava di mangiare, per questo lui più volte l’aveva portata in ospedale, per farla alimentare in maniera coatta attraverso le flebo. I vicini, che conoscevano benissimo la situazione, gli avevano raccontato che a volte, quando lui le portava qualcosa da mangiare, lei lo regalava. Nel suo frigo, in effetti, non c’era nulla.

Il resto del Carlino
Uccisa dal marito, il legale: “E’ un uomo distrutto”  – Il giallo di Porto Recanati
L’avvocato Paolo Giustozzi: “Dietro quel gesto c’e’ un dramma familiare lungo vent’anni”
Macerata, 28 marzo 2013 – ‘’Un momento di rabbia e una spinta, ma dietro quel gesto c’e’ un dramma familiare lungo vent’anni. Gravi problemi legati alla condizione psichica della vittima, da ultimo appesantiti dalle difficoltà economiche della famiglia’’. Queste le parole dell’avvocato Paolo Giustozzi che difende con la collega Valeria Attili Amedeo Belli, il piccolo imprenditore sessantenne che ieri, durante una lite, ha ucciso la moglie Anna Maria Gandolfi, 57 anni. Poi si è costituito nella caserma dei carabinieri di Loreto.
 ”Era in stato confusionale – ha spiegato il difensore – ma non ha tentato in alcun modo di nascondere cosa era successo”. Dopo un interrogatorio fiume nella caserma di Porto Recanati, Belli è stato sottoposto a fermo per omicidio preterintenzionale.
Il pm Cristina Polenzani ha disposto l’autopsia sul cadavere della vittima, per chiarire la dinamica del delitto. Ma per l’uxoricida, afferma il legale Giustozzi, ‘’il processo e’ solo parte di una tragedia immane: Belli e’ un uomo distrutto. Nonostante vivessero ormai separati non ha mai smesso di prendersi cura della moglie. La andava a trovare tutti i giorni per farle prendere le medicine, che altrimenti lei si rifiutava di assumere, e cercava di starle vicino, comunque’’. Il fatto che avesse una nuova compagna ‘’non c’entra nulla con quello che e’ accaduto’’.

 

 

 

 

 

Parole chiave