Roberta Lanzino, 19 anni, studentessa. Aggredita, seviziata, violentata e uccisa da ? Tutti sanno come sono andate le cose, ma il processo va avanti da 28 anni senza una sentenza ….

robertalanzino

Cerisano (Cosenza), 26 luglio 1988
Roberta stava correndo sul suo motorino, con i capelli al vento, verso il mare. Una macchina la segue, o forse lei si è fermata, chissà. Viene ritrovata morta, dopo essere stata seviziata e violentata brutalmente. Il processo va ancora avanti, tra dichiarazioni vere e false, giochetti delle cosche e rimpiattino con la giustizia che stenta a sentenziare.

 

Titoli & Articoli

Crimeblog
Il 26 luglio del 1988 l’allora diciannovenne Roberta Lanzino uscì di casa da Cerisano,provincia di Cosenza, in sella al suo motorino, percorrendo una strada poco trafficata che la conduce a Torremezzo di Falconara, in una casa al mare. Su quella strada è seguita da una Fiat 131 Mirafiori chiara, una volta raggiunta la ragazza i passeggeri l’aggrediscono, la seviziano, la violentano e brutalmente la uccidono.Durante l’autopsia i medici appurano un taglio alla gola profondo di quindici centrimetri, numerose ferite sul corpo ed una caviglia slogata.
Dopo 20 anni ed una riapertura del caso nell’estate del 2007 finalmente l’inchiesta è giunta al termine. Il Pm Domenico Fiordalisi ha emesso un avviso di conclusione delle indagini nei confronti dell’agricoltore Francesco Sansone, 46 anni, già in carcere a scontare una pena di 30 anni di reclusione per due omicidi tra l’89 ed il ‘90 entrambi ricollegabili alla vicenda. Tra questi l’omicidio di Rosaria Genovese, ex fidanzata di Sansone, strangolata e gettata in un pozzo a Cavone di San Lucido (Cosenza) colpevole di aver rivelato alcuni particolari dell’omicidio Lanzino. L’altro nei confronti di un maresciallo della polizia penintenziaria, omonimo di Sansone.
Stando alle indagini Sansone avrebbe agito in complicità di Luigi Carbone, pastore, scomparso il 27 novembre 1989. Sarebbe stato lo stesso Sansone ad ucciderlo e farne sparire le tracce perchè considerato inaffidabile ed a conoscenza di troppi particolari riguardanti l’omicidio della guardia giudiziaria.
La svolta definitiva alle indagini sarebbe scattata grazie alle rivelazioni di Franco Pino, ex boss della ‘ndrangheta cosentina ed oggi pentito, che avrebbe avuto informazioni riguardanti la morte di Roberta Lanzino durante la sua detenzione nel carcere di Palmi. Marcello e Romeo Calvano, criminali di San Lucido (Cosenza), avrebbero fornito queste informazioni per vendetta nei confronti di Sansone per aver ucciso il loro amico Carbone.
Nonostante l’efferatezza ed un’inchiesta quasi infinita, come troppe ne vediamo in Italia, questa potrebbe addirittura attestarsi come una buona notizia su queste pagine. Ci accontentiamo di poco.


Il Quotidiano della Calabria

Roberta Lanzino, a 24 anni dal delitto il processo è un’agonia
Solo 2 udienze in 6 mesi. E pochi passi avanti verso la verità
Il dibattimento era fermo da prima dell’estate, a causa di un rinvio e dello sciopero degli avvocati. Ora un nuovo passaggio all’insegna di “non ricordo” e di scene mute e l’aggiornamento a gennaio per una storia del 1988 riaperta nel 2007 dal pentito Franco Pino. Una vicenda atroce lontana ancora lontana dall’epilogo
Un omicidio brutale che ha segnato  la storia di Cosenza. Roberta Lanzino, 19 anni, violentata e uccisa mentre correva sul suo motorino incontro al mare. Era l’estate del 1988. Erano 24 anni fa. I colpevoli sono ancora fantasmi, nonostante un processo concluso e un altro in corso. Sono i tempi della giustizia, si dice con rassegnazione. Ma sembrano più i tempi di un’agonia. Tanto dolorosa quanto più si protrae. Ieri mattina, al tribunale di Cosenza, l’ultima udienza in ordine di tempo di un processo bis che si è riaperto in seguito alle dichiarazioni del pentito Franco Pino rilasciate nel 2007. E in aula si tornerà solo fra altri due mesi.
Il dibattimento, nei fatti era fermo da prima della scorsa estate: a luglio, infatti, lo sciopero degli avvocati aveva fatto slittare quello fissato per il 16, mentre a ottobre un’assenza del presidente della corta d’Assise Atonia Gallo, aveva reso necessario fissare una nuova data. Uno stillicidio che per la famiglia di Roberta, soprattutto, va avanti da oltre vent’anni. La signora Matilde e il signor Franco, sempre presenti nell’aula della corte d’assise, non sembrano più ormai neanche sorpresi. Ieri era il turno dei fratelli Frangella, sotto accusa per il terribile omicidio nel primo processo e poi scagionati nei tre gradi di giudizio.
Stavolta erano in veste di testimoni, ma due di loro Giuseppe e Gaetano, indagati per false dichiarazioni, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, mentre Pasquale ha inanellato una serie di “non ricordo” che ha fiaccato qualsiasi pretesa di aggiungere tasselli di verità a questo inestricabile puzzle. Sul banco degli imputati in questo secondo processo siedono tre pastori di Cerisano, Alfredo Sansone, 75 anni, e i figli Franco, 49, e Remo, 48.  Francesco Sansone, in particolare, deve rispondere del terribile omicidio di Roberta Lanzino. Lo stesso Sansone insieme al padre Alfredo e al fratello Remo sono anche imputati per la scomparsa di Luigi Carbone, secondo l’accusa presunto complice di Francesco nella tragica uccisione della studentessa rendese. Nel corso di quest’anno il processo è entrato nel vivo solo in primavera, grazie soprattutto alle deposizioni rese in aula da Franco Pino, il testimone di giustizia che afferma di aver appreso chi fossero gli assassini della ragazza da un altro detenuto Romeo Calvano, quando si trovavano entrambi nel carcere di Siano. Nel corso del dibattimento, però, le sue dichiarazioni non sono state confermate proprio da Calvano che nell’interrogatorio dello scorso maggio ha smentito di aver mai parlato dei Sansone con Pino.
Mezza dozzina di udienze in dodici mesi, due negli ultimi sei mesi. Pochi passi in avanti. L’idea è che per conoscere l’epilogo di questo infinito processo, i tempi siano ancora lunghi.
di Rosita Gangi

Qui Cosenza
Delitto Lanzino, il processo rischia di ripartire da zero
Una verità “nascosta” dai rinvii. Il caso Lanzino rischia di rimanere tale.
Sì perchè, il processo per far luce sulla tragica, violenta e barbara uccisione di Roberta Lanzino, la giovane studentessa, brutalmente assassinata tra le strade tortuose della vecchia strada di Falconara Albanese, rischia di saltare, mandando in frantumi, la speranza dei familiari della studentessa di avere giustizia e di poter dare una certezza di responsabilità penale ai killer di Roberta. Gli assassini della studentessa rendese, brutalizzata nel 1988, sono Franco e Alfredo Sansone, rispettivamente figlio e padre, due pastori di Falconara Albanese. A loro forze dell’ordine e magistratura sono arrivati, non solo attraverso minuziose indagini, effettuate con tecniche scientifiche di ultima generazione, non esistenti al tempo dell’omicidio, ma anche grazie alle “cantate” di pentiti della mala di Cosenza, come Franco Pino e Umile Arturi che, con le loro dichiarazioni hanno inchiodato i due, sgombrando il campo da ipotesi fantasiose, continui depistaggi e innumerevoli tentativi anonimi di trascinare nel fango delle responsabilità figliocci della Cosenza bene. Oggi, infatti, è in programma presso la Corte d’Assise di Cosenza, la ripresa del processo, dopo il lungo stop per la pausa estiva. Ma, ancora una volta, l’udienza, l’ennesima, potrebbe concludersi con un nulla di fatto, già prima di iniziare. Questa volta l’intoppo, non di poco conto, riguarda il presidente della Corte, Antonia Gallo, in procinto di essere trasferita alla presidenza di una delle Corti d’Appello di Napoli. Il giudice, campano, una delle figure più autorevoli e determinate nel panorama giustizia del tribunale di Cosenza, infatti, aveva avanzato richiesta di trasferimento. Richiesta accolta dalla commissione speciale del Consiglio superiore della magistratura che, però, per essere ratificata, deve ottenere il via libera dal plenum del Csm. Oggi il processo, in programma per stamattina, riparte, senza il giudice Gallo, al suo posto, la Corte d’Assise sarà presieduta dal presidente della sezione penale del Tribunale Giovanni Garofalo. Ma il magistrato “supplente”, non potrà fare molto, se non indicare i tempi di fissazione di una nuova udienza. La giornata di stamattina, come da indicazioni del calendario, avrebbe visto salire sul banco dei testimoni i fratelli Frangella, finiti nella lente d’ingrandimento dei sospetti per quella morte, processati, con l’accusa di aver violentato, ucciso e “violato” la giovane esistenza della studentessa rendese, ma poi usciti dalla porta principale del processo con un verdetto di assoluzione piena. Ma la posizione del presidente della Corte d’Assise Antonia Gallo, non è l’unica che rischia di “compromettere” il naturale percorso del processo. Anche il sostituto procuratore della Repubblica, Roberta Carotenuto, pm a Paola, che ha ereditato da altri colleghi tutto l’incartamento accusatorio, rischia di saltare dal processo, anche lei per ipotesi di trasferimento. Insomma, oggi sarà una giornata triste per i familiari di Roberta Lanzino, per i responsabili dell’associazione che porta il suo nome, per gli avvocati di parte civile e per chi vorrebbe che sia fatta piena luce su questa brutta pagina di cronaca, ancora lontana dall’essere commentata con la certezza della verità. Per quella morte, come detto, tragica, violenta, barbara, dopo l’esclusione dei Frangella, riabilitati davanti agli occhi dell’opinione pubblica, dall’avvocato Antonio Ciacco, i due oggi siedono al banco dei testimoni. Il processo, riaperto con sospetti fondati sulla responsabilità dei due Sansone nel fatto di sangue, ripartito dopo la comparsa di un supertestimone che ha permesso all’allora pm Domenico Fiordalisi, ex sostituto procuratore della Repubblica di Paola, di formalizzare un atto d’accusa contro gli odierni imputati, rischia di saltare e, ancora di più, rischia di ripartire anche da zero.
RICOSTRUZIONE OMICIDI E DEPISTAGGI – Un delitto occasionale. Senza indagati “eccellenti”. Maturato a causa di sfortunate e imprevedibili circostanze legate al viaggio compiuto dalla vittima verso Torremezzo di Falconara. Il supertestimone che ha consentito al pm Domenico Fiordalisi di riaprire le indagini sull’omicidio di Roberta Lanzino, avvenuto nel luglio del 1988, offrirebbe un quadro esaustivo e illuminante del terribile fatto di sangue, sgombrando definitivamente il campo da piste suggestive e mai riscontrate che contemplavano il coinvolgimento di rampolli della “Cosenza bene”. La studentessa di Rende venne avvicinata dai due assassini mentre, attraversando l’appennino paolano, percorreva la vecchia strada che conduce a Falconara. Roberta aveva perso l’orientamento e sembrava incerta. I due bruti ne avrebbero approfittato per bloccarla, abusarne sessualmente e poi ucciderla. Il supertestimone, come già nel Duemila aveva fatto l’ex boss pentito Franco Pino, ha escluso la premeditazione dell’azione criminosa confermando che, al contrario, sarebbe opera di persone perfettamente ambientate nella zona. Persone che imperversavano tra quelle montagne imponendo la loro legge col terrore. Uno dei due criminali, dopo il delitto, fece addirittura delle confidenze alle forze dell’ordine per depistare le indagini. Quando si trattò d’individuare il proprietario della Fiat 131 che in quel tragico pomeriggio venne vista da alcuni commercianti seguire il motorino guidato da Roberta, il finto “confidente” mise in atto la sua diabolica strategia. E spinse gl’investigatori verso un operaio di tutt’altra zona ch’era in effetti in possesso di una vettura dello stesso tipo. L’incolpevole muratore venne successivamente scagionato perchè aveva un alibi. Era, infatti, in grado di dimostrare d’essere stato da tutt’altra parte al momento della consumazione del crimine. Dodici anni dopo saranno i pentiti Franco Pino e Umile Arturi a scagionarlo definitivamente. E, insieme a loro, il nuovo supertestimone. La strategia dei depistaggi, peraltro, continuò nel corso del processo istruito contro tre pastori di Falconara Albanese, incolpati e poi assolti per l’omicidio della studentessa. Nella fase istruttoria dell’inchiesta aperta nei loro confronti e durante la celebrazione del successivo dibattimento in Corte d’Assise, furono spedite delle lettere a magistrati e avvocati con le quali s’indicavano come responsabili del fatto di sangue figli di noti professionisti della città bruzia. Ragazzi di cui vennero persino fornite le generalità. Non solo: qualcuno telefonò addirittura a padre Fedele Bisceglia, fingendosi uno degli assassini.
L’anonimo interlocutore disse al religioso d’essere pronto a rendere piena confessione. Naturalmente non era vero. L’azione di depistaggio contribuì significativamente a creare sconcerto nell’opinione pubblica ed a seminare dubbi anche tra gl’investigatori. Tutte le cabine telefoniche pubbliche vennero poste sotto controllo, mentre le missive anonime furono passate al setaccio dalla polizia scientifica. Alla fine le indagini non approdarono a nulla. L’unica a conoscere da sempre i retroscena del feroce crimine era una casalinga di Falconara. Si chiamava Rosaria Genovese e venne strangolata e gettata in un pozzo, in località “Cavone” di San Lucido, nell’aprile del 1990. Prima di essere ammazzata, tuttavia, la donna aveva confidato a un’amica i terribili segreti di cui era a conoscenza. Segreti che le erano stati rivelati direttamente da uno dei due bruti. La teste, beneficiaria delle confidenze costate probabilmente la vita alla Genovese, è stata convinta a parlare, dopo quasi vent’anni, dal pm Fiordalisi. Lo stesso Pubblico Ministero era già in possesso delle dichiarazioni, perfettamente sovrapponibili, rese nel Duemila dal pentito Franco Pino. L’ex boss aveva appreso la reale identità degli assassini di Roberta Lanzino, da un padrino di San Lucido, nel 1995, mentre si trovava ristretto nel supercarcere di Palmi.
IL RACCONTO DEGLI EX BOSS – «Roberta Lanzino è stata violentata e uccisa da Luigi Carbone e Franco Sansone a Falconara Albanese. Si era fermata o perché le si era rotto il motorino o per chiedere un’informazione». Franco Pino, un tempo incontrastato boss del Cosentino e ora collaboratore di giustizia, conferma i retroscena di quel barbaro delitto. Con tono pacato ma deciso, per oltre quattro ore, risponde a tutte le domande del collegio giudicante nel corso del processo che si sta celebrando in Corte d’Assise, nel tribunale di Cosenza, per la morte della studentessa uccisa il 26 luglio del 1988 mentre si stava recando al mare. Sono state proprio le sue dichiarazioni a far riaprire il processo e, questa mattina, Pino ha ribadito di aver appreso da Marcello e Romeo Calvano l’identità degli autori dell’assassinio di Roberta. Non ha dubbi su quello che ha riferito. I Calvano erano – per dirla con le sue parole – «quelli che avevano competenza su San Lucido». Franco Pino ricostruisce alcune vicende di quegli anni come la tentata estorsione a Grimoli, il legame con Ruà, che definisce uno dei suoi anche se non affiliato, fino a precisare i rapporti con Luigi Carbone, agricoltore di Cerisano scomparso nel novembre del 1989, ma del quale non è stato mai ritrovato il corpo. Carbone assieme a Franco Sansone è accusato di aver ammazzato Roberta. Mentre Franco Sansone, il fratello Remo e il padre Alfredo sono ritenuti gli assassini di Luigi Carbone che – secondo l’accusa – sarebbe stato eliminato proprio da Franco con la complicità del fratello e del padre perché temeva che volesse rivelare qualcosa sul delitto Lanzino. Il collaboratore di giustizia ha spiegato come era venuto in contatto con Luigi Carbone: «Ho ospitato nella mia cella Luigi Carbone (che era stato arrestato per una rapina, ndr) perché ho visto che era un ragazzo abbastanza risoluto ma non l’ho affiliato. Carbone, pace all’anima sua – perché secondo me è morto – era un lupo isolato, ma saputo gestire non sbagliava. Anche Ruà non è stato mai affiliato. Ma vedete bene, l’affiliazione era una forma per creare dei soldati, però quando c’erano persone valide l’affiliazione passava in secondo piano. Ruà ha trattato con mezza Calabria per conto mio ma non era affiliato. Carbone è stato vicino a me nel periodo carcerario, ma per me fuori non ha fatto nulla. I lupi sono feroci quando sono in branco, lui era lupo feroce anche da solo». E poi nel controesame ha aggiunto: “Carbone era legato ai Sansone”. Poi dopo il delitto Lanzino, e precisamente nel 1989, Carbone sparì nel nulla. «Ruà – ha raccontato Pino – è andato a vedere cosa stesse succedendo e i familiari di Luigi, a mezze parole, hanno detto che erano stati quelli della montagna, i Sansone: una persona anziana e due figli. Io non conosco i Sansone direttamente tranne una volta che siamo andati in una stalla a Falconara a prendere delle armi». Ma è stato Romeo Calvano, nel carcere di Siano nel 1995, a parlare a Franco Pino del delitto Lanzino: «Quando ci siamo trovati con Calvano al 41 bis, a Siano, lui mi spiegò che Carbone non meritava di essere vendicato perché aveva partecipato ad alcuni omicidi e anche a quello del cugino di Calvano». L’ex boss della ’ndrangheta cosentina, in realtà, ha appreso l’identità dei responsabili dell’omicidio di Roberta, in due circostanze, che il giudice Antonia Gallo ha chiesto di precisare: «L’ho saputo da Marcello e Romeo Calvano, la prima volta nel 1994 e poi in carcere a Siano nel 1995. Mi trovavo al 41 bis con Romeo Calvano, Antonio Sena e Nino Imerti di Reggio Calabria, eravamo in quattro celle e nell’ora d’aria passeggiavamo: ci alternavamo un giorno io e Sena, un altro io e Romeo. Romeo Calvano mi disse che Luigi Carbone era stato ammazzato da Franco Sansone e che ha partecipato all’omicidio Lanzino e a quello del maresciallo Sansone». Poi incalzato dal pm Carotenuto ha aggiunto: «Carbone e Sansone hanno violentato e ucciso Roberta Lanzino, nella zona di Falconara, non ricordo con precisione ma disse anche che Roberta era caduta con il motorino e ha incontrato Luigi e Franco. Mi pare che o era caduta o era scesa per chiedere un’informazione». E rispondendo alla domanda del presidente Gallo su come si era arrivati a parlare del delitto Lanzino, Pino ha detto: «Con Romeo Calvano parlavamo di altre cose quando si arrivò a parlare della scomparsa di Carbone e in questo contesto Romeo Calvano mi disse che Carbone era un indegno perché aveva commesso un’azione indegna e anche perché aveva partecipato all’omicidio del cugino. Non c’era un dubbio che lui potesse riferire una fesseria». Poi ha anche spiegato come i due presunti assassini sarebbero entrati in contatto con Roberta: «Per quello che ricordo la seguivano. C’è un altro episodio che non so se può interessare: due o tre giorni dopo il delitto una sera ero sul lungomare di San Lucido (estate 1988) in pantaloncini corti e trovai un cugino di Belmonte, nostro associato; io sapevo che era stato fermato per l’omicidio e gli ho detto “ma cosa hai fatto”? E lui rispose: “Non ho fatto nulla, mi hanno fermato perché ho una Fiat 131 come quella di Franco Sansone”. Io e Ruà quella sera eravamo a San Lucido». E quando il giudice Gallo fa notare che dalla morte di Roberta al 1994 passarono sei anni, Pino ha aggiunto: «Ne avevo parlato con Marcello Calvano nell’estate del 1994 (Marcello è stato ammazzato nell’agosto del 1999). A una settimana dall’inizio della mia collaborazione si fece un verbale di intenti e io grosso modo ne parlai. Ma l’interrogatorio ufficiale si svolse il 7 dicembre del 1999, dopo cinque anni che collaboravo con la giustizia. Altre volte ne ho parlato però non ricordo. A volte ne ho parlato persino in macchina quando gli uomini della scorta mi accompagnavano. Sono state centinaia le persone venute da me per sapere chi avesse ucciso Roberta». Nel corso del controesame il pentito ha precisato i rapporti con Umile Arturi, amico di Pino e come lui ora collaboratore di giustizia. Anche Arturi doveva essere ascoltato oggi in Corte d’Assise. Incalzato da avvocati della difesa e della parte civile Franco Pino, quasi al termine della sua deposizione, ha detto chiaramente: «Tutto confermo, signor presidente».

Da Sud
rlrRoberta Lanzino. Ragazza. (di Celeste Costantino e Marina Comandini)
In libreria “Roberta Lanzino, Ragazza”, il primo fumetto italiano dedicato a una vittima della violenza maschile. Le autrici: “La sua storia può essere quella di ciascuna di noi”. Un classico caso di femminicidio. Sullo sfondo l’ombra di personaggi legati alla ‘ndrangheta
Roberta Lanzino ha 19 anni, vive con la sua famiglia a Rende (provincia di Cosenza), è una studentessa universitaria. È il 26 luglio del 1988 e Roberta, con il suo motorino Sì della Piaggio, va verso la casa al mare. I suoi genitori Franco e Matilde sarebbero partiti pochi minuti dopo a bordo della “Giulietta” di famiglia. Percorre una strada secondaria. Perde l’orientamento, si smarrisce. Due uomini l’aggrediscono, le tagliano la strada, la colpiscono senza pietà al collo e alla testa con un coltello, la violentano e le conficcano una spallina in gola per strozzare le urla. Muore soffocata, Roberta. Il suo corpo viene ritrovato alle 6.30 del mattino dopo. Dopo più di vent’anni il suo omicidio non ha ancora una verità. Il processo è ancora in corso.
La storia di Roberta è una storia di violenza maschile, di morte, di ’ndrangheta che vive pagine della graphic novel “Roberta Lanzino, Ragazza”, sceneggiata da Celeste Costantino e disegnata da Marina Comandini, con la prefazione dello scrittore Carlo Lucarelli (che si occupò del caso con Blu Notte su Raitre) e la postfazione di Francesco Forgione, ex presidente della commissione Antimafia.
“Roberta – spiega l’autrice Celeste Costantino – è una ragazza di 19 anni che ha un motorino come tante di noi. E, come noi, a quell’età pensa di avere tutta la vita davanti. La sua storia poteva essere la mia. E chi non lo capisce si rende complice di questa morte. E di tutti i femminicidi che come un bollettino di guerra scandiscono la vita del nostro Paese nell’indifferenza generale”. Per questa ragione il fumetto sarà presentato per la prima volta a Roma il 22 novembre nell’immediata vigilia della Giornata contro la violenza sulle donne. È un modo per ricordare la violenza che ogni giorno si accanisce sul corpo delle donne. Oltre ogni stereotipo raccontato dai media, oltre l’incapacità della politica e della società di accettare un fenomeno drammatico come quello del femminicidio. E la morte di Roberta Lanzino anche se non è un omicidio di ‘ndrangheta ad essa è legato. “La ‘ndrangheta – sottolinea Celeste Costantino, che è anche autrice della prefazione di “Sdisonorate”, il dossier che raccoglie tutte le storie delle donne uccise dalle mafie – è presente in ogni passaggio della storia. Vive nella concezione brutale e vendicativa che si ha del corpo delle donne, nelle lungaggini processuali e i depistaggi, nel fatto che quelli che dalla procura sono considerati gli assassini sono organici ai clan”.
Una storia che ha trovato forma nella matita straordinaria di Marina Comandini: “Lo stile grafico – dice la disegnatrice – vuole rispecchiare il durissimo contenuto della storia e di una certa irrequietezza che m’impone sempre di andare oltre Celeste Costantino, è una calabrese di 32 anni, fa politica di sempre occupandosi di antimafia, diritti e tematiche di genere. Ha molto lavorato contro il femminicidio su cui ha scritto saggi e organizzato manifestazioni ed eventi. Ha fondato il collettivo DonnedaSud, nato all’interno dell’associazione antimafie daSud, e la rete Ragazze interrotte.
I disegni della graphic novel sono di Marina Comandini, già moglie di Andrea Pazienza. Da tempo votata alla causa ambientalista e impegnata nel sociale, la pittrice e fumettista romana ha scelto di vivere in un casolare della Toscana.
“Roberta Lanzino, ragazza” è un fumetto della collana Libeccio, edita dalla Round Robin e curata da daSud, l’associazione antimafie che si occupa di recupero della memoria e di promuovere nuovi linguaggi creativi al servizio delle battaglie per i
diritti sociali e civili nel nostro Paese.

 

Link

Round Robin Editrice
Info Oggi
Calabria Notizie
Info Oggi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Parole chiave