L’importanza di chiamare le cose con il proprio nome

147527826FEMMINICIDIO: si definisce femminicidio l’uccisione di una donna in quanto donna ad opera di un uomo in quanto uomo. 

Il femminicidio si differenzia da altri tipi di uccisione per il movente, che consiste quasi esclusivamente nell’idea di possesso che l’uomo ha nei confronti della donna, al punto di poterne disporre la morte

Imparare a chiamare le cose con il proprio nome è il primo indispensabile passo per cominciare a riconoscerle, individuarle  e dunque ad osservarle e considerarle per quello che sono. Solo così è possibile cercare di capire e trovare soluzioni.

In un femminicidio c’è un uomo che uccide ed una donna che viene uccisa. Questo sito narra esclusivamente di femminicidi e pertanto con la definizione “Donne” e “Uomini” non intende “l’intero genere umano maschile” e “l’intero genere umano femminile”, ma solo i protagonisti degli episodi narrati.

La scelta di definirli semplicemente “Donne” e “Uomini” deriva dalla volontà di emanciparli dal loro ruolo mediatico di “vittime” e “carnefici”: questo è un sito propositivo, dove si cercano soluzioni ad un problema specifico che ha le sue radici in una cultura che riguarda sia uomini che donne e dove dunque entrambi hanno un percorso da compiere, impegni da assumere e consapevolezze da acquisire, come persone e come collettività.

Parole chiave