Ofelia Bonotiu, 28 anni, badante. Accoltellata dal fidanzato.

ofeliaGualdo Tadino (Perugia), 8 marzo 2014. Lui andava, tornava e forse la tradiva, ma pretendeva che lei lo aspettasse e lo seguisse, lasciando il lavoro, la famiglia, gli amici. Lei si è opposta e lui l’ha uccisa a coltellate. I proprietari dell’affittacamere  dove si è consumata la tragedia si sono costituiti parte civile.

 

 

danielDanut Daniel Barbo, 28 anni. Ha comprato il taglierino il giorno prima.

 

 

 

Titoli&Articoli

Repubblica
Colpita alla gola con un coltello, Ofelia Bontoiu è morta dissanguata sul pavimento di una camera d’albergo di Gualdo Tadino. Dopo averla ferita a morte, il fidanzato ha tentato il suicidio tagliandosi le vene. E’ l’ennesimo femminicidio di questo tragico 8 marzo, una giornata dedicata alla donna che ha visto tre donne uccise in meno di 48 ore. Dopo quanto accaduto a Vigevano, e dopo l’efferato episodio di Frosinone, nella camera di un affittacamere di Gualdo Tadino, in provincia di Perugia, la terza vittima è una badante di 28 anni, di nazionalità romena.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, chiamati dal titolare dell’albergo, Ofelia Bontoiu è stata uccisa con una o più coltellate dal fidanzato, un connazionale ventottenne che poi ha cercato di uccidersi con lo stesso coltello e ora è ricoverato e piantonato all’ospedale di Branca. I medici lo hanno sottoposto a intervento chirurgico per la sutura di ferite al collo e alle braccia. La prognosi è riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Ofelia lavorava come badante per una famiglia molto nota nella cittadina umbra e viveva con i suoi genitori e fratelli che da 7 anni si erano trasferiti in Umbria. Non si sa da quanto frequentasse quello che è stato il suo carnefice, ma secondo fonti raccolte dai carabinieri, il rapporto sarebbe stato piuttosto burrascoso. Secondo le stesse fonti, il giovane era partito per lavorare in Inghilterra ed era tornato in Italia, affittando la stanza in albergo per qualche giorno, per sollecitare la ragazza a raggiungerlo. Al loro appuntamento, però, il rifiuto di lei circa il trasferimento all’estero, lontano dalla famiglia e in una situazione di incertezza, sarebbe stato il motivo dell’ennesima lite culminata nella tragedia.

Ofelia avrebbe subito un ultimo oltraggio da morta. Secondo quanto riferito da un suo cugino, dopo averla uccisa, il fidanzato avrebbe filmato e fotografato il suo corpo senza vita ed avrebbe inviato le immagini alla sorella, in Romania. La circostanza non è stata però confermata dai carabinieri.

Sul profilo Facebook di Ofelia molte citazioni e foto, di gatti, bambini ma anche giovani coppie, raccontano la sua vita. All’inizio del mese la giovane aveva cambiato la sua immagine di copertina, mettendo quella di una donna sdraiata a terra, apparentemente esanime, di fronte a una scalinata. Qualche giorno dopo aveva pubblicato un post con scritto: “Ritornano senza nemmeno chiederci ‘scusa’. Ritorna chi ha tradito, chi ha mentito, chi ha amato. Ritorna chi senza di te non può stare. Ritornano tutti”. E il 6 marzo un’ultima citazione di Oscar Wilde: “Regala la tua assenza a chi non dà valore alla tua presenza”.

“Profonda amarezza per la morte di una ragazza nel giorno dedicato alla donna” è stata espressa dal commissario prefettizio del Comune di Gualdo Tadino, Salvatore Grillo. “La comunità romena – ha aggiunto Grillo – è ben integrata nel tessuto di Gualdo. Quello che è successo fa pensare”

Link

Giornale dell’Umbria

 

 

Parole chiave