Matilde Sorrentino, 49 anni, mamma. Uccisa per aver denunciato la banda di pedofili del rione Poverelli e sputato contro di loro durante il processo

Torre Annunziata (Napoli), 26 marzo 2004
Denunciò la banda di pedofili che violentata i bambini della scuola elementare del rione Poverelli. Ma soprattutto aveva sputato verso i pedofili durante il processo, uno sgarbo che la mafia non perdona.

 

Pasquale Sansone, bidello, ebbe 15 anni e Michele Falanga, titolare di un bar, 13. Ma li scarcerarono subito, perché erano scaduti i termini della custodia cautelare. E, poco dopo, tutti e due, furono ammazzati. La camorra li aveva puniti, stabilirono gli inquirenti.

Alfredo Gallo, 27 anni, esecutore materiale del delitto. Ergastolo.

Francesco Tamarisco, 45 anni. Assolto dall’accusa di pedofilia, viene arrestato 14 anni dopo come mandante del delitto

 

 

Titoli&Articoli

Madre coraggio denunciò pedofili e fu uccisa, 14 anni dopo arrestato il mandante

Matilde Sorrentino, storia di una mamma leonessa

Uccisa per a ver salvato i bimbi dai pedofili: la storia di Matilde Sorrentino, eroina di Torre Annunziata

Matilde Sorrentino, la mamma coraggio: al processo vince la paura

Omicidio mamma coraggio: la supertestimone non si presenta al processo

Omicidio mamma coraggio: il riesame conferma le accuse per il mandante

Parole chiave