Maria Pia Scuto, 41 anni, mamma. Uccisa dal marito nella cucina di casa, davanti al figlio quindicenne, con un taglierino

 

Catania,  29 marzo 2009
C’era un enorme contrasto tra il loro essere e il loro apparire: in casa litigavano spesso, e furiosamente tanto che i vicini avevano già altre volte chiamato la polizia. Però  fuori apparivano una coppia come tante. Lei da sola non usciva mai, lui non voleva neppure che andasse in Chiesa, al punto che il figlio quindicenne aveva interrotto gli studi per accompagnare le sorelline più piccole sostituendosi alla madre.
Giuseppe non lavorava e viveva con umiliazione dover dipendere economicamente dalla famiglia di lei, ma non è questo il motivo per cui l’ha colpita di spalle con un taglierino fino a spezzarle la schiena e decapitarla. Il primo omicidio passionale per gelosia da internet, unico modo che Maria Pia aveva per uscire da quella casa, casa sua, almeno con la mente.

Giuseppe Castro, 36 anni, disoccupato. Era disperato perché la moglie, a cui impediva di andare anche in Chiesa, si collegava ad Internet e riceveva mail, e siccome era lei che portava i soldi a casa lo trattava come una cosa e pensava di poter fare tutto quello che le pareva. Lo ha detto anche ai carabinieri, tanto che il sostituto procuratore ha disposto il sequestro dei computer per approfondire le indagini (tante volte l’uomo avesse un valido motivo). Condannato a 30 anni in primo grado, ridotti a 18 in appello.

 

Titoli & Articoli

Repubblica
Marito geloso decapita la moglie Chattava con altri, non lo sopportavo – Sgozzata con un taglierino, quasi decapitata dal marito che l’ ha colpita con una violenza tale da staccarle la testa dal collo.
«L’ ho uccisa, chattava con altri uomini, non sopportavo più il suo comportamento, venite a prendermi»
… la scena che si presenta ai poliziotti è da film horror con il corpo massacrato della donna sulla soglia della cucina e sangue schizzato dappertutto. È l’ ennesima lite tra marito e moglie a provocare la tragedia…
trova la moglie al computer. È l’ ennesimo messaggio arrivato sull’ instant messanger a far esplodere la sua gelosia. Lui, disoccupato, che pare vivesse come umiliazione l’ indipendenza economica di lei, le rinfaccia le amicizie su internet, forse anche una relazione segreta.
Parole sprezzanti, urlate davanti al figlio e alla suocera, che accorre dall’ appartamento accanto, dove abita. «C’ era un enorme contrasto- racconta una donna che abita al piano di sotto – tra il loro essere e il loro apparire. In casa litigavano spesso, fuori sembravano una coppia come tante…». Mentre il titolare della rivendita in strada ricorda: «Una volta abbiamo chiamato perfino la polizia».
… Giuseppe Castro impugna il taglierino, si avventa sulla moglie mentre lei è di spalle. Cinque, sei coltellate, contano i poliziotti della scientifica, il corpo di Maria Pia straziato dal taglierino, con una violenza tale da spezzarle in due la colonna vertebrale …

Il Salvagente
”Basta con quei maschi on line”
: così è morta la bella signora di Catania … forse è uno dei primi delitti al mondo per “gelosia da Internet“… è stata quasi decapitata dal marito, perché l’ha trovata davanti al computer intenta a leggere e inviare e-mail. … Giuseppe Castro l’ha uccisa aggredendola alle spalle mentre la moglie era seduta davanti al computer “a chattare con gli uomini”, come ha detto im marito agli agenti. “Non sopportavo più la situazione, il suo comportamento. Ero disperato“, ha aggiunto.
Un assurdo delitto passionale scatenato da una e-mail (“L’ennesima”, dice il marito), che la moglie aveva ricevuto poco prima sul suo computer.  Sui tre computer trovati in casa della famiglia e sequestrati, il sostituto procuratore Salvatore Faro ha disposto una perizia affidata dalla polizia postale…
n un primo tempo si era detto che l’omicidio poteva essere maturato per problemi passionali e la ‘molla’ scatenante sarebbe stata una e-mail che la donna aveva ricevuto.  Per questo il sostituto procuratore Salvatore Faro, che coordina le indagini, ha disposto il sequestro dei computer presenti in casa che sono stati affidati alla polizia postale per accertamenti …

Repubblica
Pensavo volesse abbracciarla e fare pace invece papà ha tirato fuori il coltello –  «Mamma tradiva papà, l’ ho scoperto leggendo le sue email, per questo l’ ho ammazzata… Non la sopportavo più e l’ ho uccisa» … piangeva e sembrava anche credibile perché, afferma un investigatore, «aveva usato parole sprezzanti nei confronti della madre» …
Papà e mamma litigavano spesso ma poi si rappacificavano sempre e questa mattina (ieri per chi legge ndr) quando papà si è avvicinato a lei pensavo che la stesse abbracciando per fare la pace, invece le ha bloccato la testa e poi con il coltello le ha tagliato la gola…» … gli investigatori, quando sono saliti al settimo piano dell’ abitazione della famiglia Castro, hanno trovato la madre della vittima con una scopa nelle mani che tentava di fare pulizia. «Non lo ha fatto per togliere tracce – dice un inquirente – ma è stato un gesto istintivo perché la signora non ha esitato un attimo ad accusare il genero del delitto».
«Ero trattato come una cosa, io sono disoccupato e lei, figlia di un costruttore, si credeva di potere fare sempre quello che voleva. Era sempre davanti al computer, chattava con altri uomini, stava su Facebook e su Messenger, per lei ero un ingombro, non ne potevo più e quando ho scoperto che non si trattava soltanto di semplici messaggi ho perso la ragione e l’ ho aggredita»


Calabria Indipendente
il marito non voleva che la donna uscisse – Lui possessivo, lei vittima della sua gelosia
“Lui era geloso, tanto che non voleva che uscisse di casa”
, afferma un’amica di Maria Pia Scuto, con la quale frequentava la parrocchia del rione. “Lei da tempo – aggiunge – non veniva più in chiesa perché lui non voleva che andasse in giro. Che il loro fosse un matrimonio in crisi da tempo lo sapevano tutti, così come che le liti erano ultimamente aumentate”.
La gelosia del marito è ricordata anche dalla portinaia dello stabile di via Costanzo dove la coppia abitava. E’ stata lei a aprire la porta e scoprire il delitto. Lui si era limitato a dirle “Maria Pia è andata via …”
“Non sopportavo più la situazione, il comportamento di mia moglie, ero disperato”…
Al centro di liti nella coppia l’eccessivo tempo che la donna, secondo il marito, trascorreva davanti al computer per chattare con estranei, soprattutto uomini. E la gelosia avrebbe fatto esplodere la tragedia con la donna aggredita con tanta violenza da essere quasi decapitata.
Forum Atei Italiani
Marito uccide la moglie a cornate si ignorano le ragioni del gesto…

 

Link

Diggita
Crimeblog
Unione Sarda
Calabria Indipendente

 

 

Parole chiave