Daniela Gardoni, 43 anni. Inseguita in macchina e uccisa dall’ex marito a colpi d’arma da fuoco

Volta (Mantova), 25 aprile 2010
“Mia moglie la uccido” aveva promesso. E così, pochi giorni dopo la sentenza di separazione che lo obbligava a versare 30mila euro alla ex consorte, l’ha aspettata sotto casa, l’ha inseguita mentre lei cercava di scappare in macchina e le ha sparato. Poi ha ucciso altre due persone con cui aveva conti in sospeso. Nella sua auto c’erano un fucile, due pistole e 141 proettili.

 

 

 

Omar Bianchera, 44 anni, camionista. Non aveva mai dato segni di squilibrio ma evita l’ergastolo grazie alla perizia psichiatrica. “Tutto sommato non è andata male” ha commentato. Condannato a 20 anni di carcere e 5 di OPG, si suicida impiccandosi in cella.

 

 

 

 

 

Titoli & Articoli

Gazzetta di Mantova
Bianchera progettava la strage da mesi – “Sono pulito, non sono un drogato” …  parlando del proprio gesto, avrebbe inoltre detto «ero stressato».
«E’ provato, è segnato, sembra una persona svuotata». Ha detto l’avvocato…
Una strage annunciata. Omar Bianchera l’aveva preparata e l’aveva raccontato a un amico al bar. «Sai – gli aveva detto pochi giorni prima – dietro casa mia ho già preparato tre fosse. E presto saranno riempite». Intanto, si è appreso che le due pistole e il fucile usati da Bianchera per la strage erano denunciati: il pluriomicida aveva una licenza per detenerle a fini sportivi. Era quindi autorizzato a trasportale da casa al poligono dove si esercitava. Secondo la questura, la licenza era stata concessa in assenza di precedenti di polizia e, in passato, l’uomo non aveva mai dato segni di squilibrio che ne impedissero il rilascio. A Baianchera sono stati trovati ben 200 proiettili.
A Volta Mantovana, il giorno dopo è quello dei dubbi e delle domande, oltre che dello shock. Tutti si chiedono se forse non siano stati sottovalutati alcuni segnali. Solo voci, racconti da bar, comunque. Perché, come aveva già detto il procuratore di Mantova, Antonino Condorelli, nessuna denuncia di nessun genere era mai stata presentata nei confronti del pluriomicida
«Omar era taciturno e solitario – ricordano in paese – ma non aveva mai dato segni di squilibrio». Un amico, però, racconta che al bar, qualche giorno fa, gli aveva confidato di «aver preparato dietro casa tre fosse». «Presto le riempirò», avrebbe aggiunto. Ma nessuno di chi lo aveva sentito lo aveva preso sul serio. Sembravano frasi buttate lì, quando ci si sfoga o si è bevuto un bicchiere i troppo.
«Su Omar Bianchera non esistono precedenti – ha ripetuto il procuratore Condorelli – L’ ex moglie Daniela Gardoni non l’aveva mai denunciato per stalking o per altre cose». «Risulta solo una denuncia, ma contro ignoti, per fatti di poco conto, come, mi pare di ricordare, il danneggiamento dell’auto o di piante davanti a casa – ha aggiunto il procuratore – Ma la donna non aveva mai fatto il nome dell’ex coniuge».
Eppure, qualcosa che covava dentro di lui c’era. E si era acuito qualche giorno fa quando il giudice, in una causa di separazione, aveva condannato Bianchera a rimborsare 30.000 euro alla sua ex moglie. Questa sarebbe stata la goccia che ha scatenato il suo rancore. Quanto alle altre due vittime, si è trattato di esecuzioni per «punire» presunti torti subiti.
C’e una donna infine che sta vivendo un dolore straziante, pieno anche di sensi di colpa. E’ la madre di Omar. Ieri mattina era in giro per il paese con l’altra figlia, quando si è scatenato il terrore. Anche loro come gli altri abitanti sono corse a rinchiudersi in casa. Ha scoperto che il folle era il suo Omar quando lui le ha telefonate per dirle: «Mamma, ho fatto un macello…» …

Corriere della Sera
Mantova Omar Bianchera aveva appena finito il colloquio con la madre e la sorella nell’ ospedale psichiatrico – Sterminò tre persone, si uccide in cella
Dopo la condanna a 20 anni aveva detto: «Non è andata male…» La diagnosi Malato di schizofrenia, aveva ucciso l’ ex moglie e due conoscenti
«Tutto sommato non è andata male…»: appena pochi giorni fa, commentando la sentenza che lo aveva condannato a 20 anni per triplice omicidio, Omar Bianchera era parso lucido e con qualche residua speranza per il futuro.
di Claudio Del Frate

 

Link

Corriere della Sera
Rai News 24

 

 

Parole chiave