Antonia Stanghellini, 45 anni, operaia, mamma. Massacrata a coltellate dall’ex marito

antonia stanghelliniBernareggio (Monza e Brianza), 19 gennaio 2013
Mustafà aveva le chiavi di casa, entrava e usciva come voleva, faceva il padrone. Ma Antonia non gli portava rispetto. Così l’ha accoltellata.

 

 

 

 

mustafàMustafà Hashuani, 46 anni, disoccupato. Non accettava la separazione.

 

 

Figli: 3

 

 

 

Titoli & Articoli

Corriere della Sera
Donna accoltellata dall’ex marito – Lui confessa: «Non mi portava rispetto»
L’ex moglie aveva sporto tre denunce contro il marocchino e poi le aveva ritirate per paura. Lui la pedinava
Sono circa 300 metri. L’uomo li percorre a passi lenti, poco prima delle 8 di sabato sera, quando le strade sono già deserte tra le palazzine di Bernareggio, piccolo paese in provincia di Monza, zona di Vimercate. Mustafà Hashuani, nato in Marocco 46 anni fa, è un assassino e sta andando a confessarsi.
Si allontana dalla casa al civico 7 di via Monte Grappa dove ha chiuso la porta lasciandosi alle spalle il cadavere della ex moglie. C’è stata una lite, racconterà in serata, appena arrivato nella caserma dei carabinieri di Bernareggio, che è proprio lì a poca distanza. Ha impugnato un coltello e ha colpito la moglie; una, due volte, e poi ancora.
Finisce così la storia di un matrimonio che negli ultimi tempi era sfociato in un’ossessione di gelosia. Lei in passato per tre volte l’aveva denunciato, e sempre aveva ritirato la denuncia, per paura che lui diventasse ancora più violento.
Antonia Stanghellini, 47 anni, la moglie, originaria di Cremona, si era già sposata una prima volta, molto giovane, e aveva avuto un figlio che ora non viveva più con lei. Poi si era risposata con Mustafà, e la loro vita per qualche anno era andata avanti tranquillamente. Il lavoro, la casa di Bernareggio. Da questo secondo matrimonio sono nati altri due figli, che oggi hanno 12 e 16 anni, e da ieri sera si ritrovano senza la madre.
Lei voleva proteggerli, da quando il padre era diventato violento.
Ieri pomeriggio Antonia ha accompagnato il figlio piccolo a scuola calcio; in serata sarebbe andata al cinema con le amiche. Loro l’hanno chiamata più volte, quando hanno visto che non arrivava. Alla fine al cellulare ha risposto lui, e però si sentiva la voce di lei che chiedeva aiuto. L’uomo aveva tenuto una copia delle chiavi di casa, e continuava ad entrare e uscire come se niente fosse, pretendendo di poter comportarsi ancora da «padrone». Le amiche di lei raccontano: «Cercava solo di proteggere i figli, che ne avevano viste già di tutti i colori e avevano sofferto già troppo».
Antonia continuava ad avere il suo lavoro; Mustafà era disoccupato da un anno, e questo aveva aggravato ancor più la sua esasperazione. Si era messo in testa che lei avesse un nuovo compagno. Non era vero.
di Leila Codecasa
Il Giorno
Una storia di continue violenze Così Mustafa ha ucciso Antonia … Erano state già sporte tre denunce
Tutto si è consumato nel tardo pomeriggio di sabato. L’ex compagno va a trovare Antonia e i figli, di 12 anni e 16 anni. In casa però c’è solo la madre dei due ragazzi e così inizia la discussione: lui la colpisce con un coltello da cucina e poi va a costituirsi
… Nel 2012 Antonia Stanghellini aveva denunciato per tre volte l’uomo per violenza nei suoi confronti, l’ultima volta a fine dicembre. Le prime due denunce erano state ritirate, la terza era invece stata inviata ad inizio gennaio in procura.
Il parroco di Bernareggio ha voluto parlare con i figli di Antonia Stanghellini questa mattina per portargli un primo aiuto.
Repubblica
Monza, 46enne trovata morta in casa. L’ex marito confessa: “L’ho uccisa io”
E’ accaduto in viale Monte Grappa a Bernareggio, in Brianza, e il corpo della donna è stato trovato in serata nell’abitazione L’uomo è un cittadino marocchino di 45 anni e si è costituito ai carabinieri
Ha fatto a piedi i 350 metri che separavano quella che era stata casa sua dalla stazione dei carabinieri di Bernareggio. Ha citofonato, ha guardato negli occhi il piantone e gli ha consegnato una frase secca: “Ho ucciso mia moglie”.
Mustafà Hashuani, marocchino, operaio disoccupato di 45 anni compiuti da due settimane è rimasto lì mentre i militari correvano in viale Monte Grappa 7, palazzina a quattro piani di periferia. Per Antonia Stanghellini, 46 anni, operaia cremonese, non c’era però più nulla da fare. L’hanno trovata a terra in una pozza di sangue, gli operatori del 118 non hanno potuto fare altro che constatarne la morte.
Femminicidio da gelosia. Preceduto da mesi di litigi, tanto che tutti nel quartiere sapevano e avevano assistito a urla, scenate, interventi dei servizi sociali del Comune. Erano stati sposati a lungo, Antonia e Mustafà, e si erano separati dal Natale 2011. Ma alla fine della loro relazione l’uomo non si era mai rassegnato. Hashuani è stato interrogato dai carabinieri di Vimercate prima di finire a San Vittore.
di Gabriele Cereda
Monza Today

Una donna è stata trovata morta verso le 20.30 di sabato sera. La vittima aveva 46 anni. Al momento dell’aggressione la donna si trovava nella sua abitazione … I Carabinieri stanno ascoltando il marito, un uomo di 45 anni di nazionalità marocchina. L’uomo si sarebbe costituito ai militari. Sarebbe stato lui a uccidere la moglie colpendola con un coltelllo in preda a un raptus innescato probabimente dalla gelosia. La coppia ha 3 figli. Stando a quanto si apprende, la relazione tra i due sarebbe stata da tempo burrascosa.“

 

Parole chiave